Architettura della Giustizia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Architettura della Giustizia è un progetto culturale e formativo frutto della collaborazione tra il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC, il Consiglio Nazionale Forense (CNF) e la Fondazione dell'Avvocatura Italiana (FAI).

L'idea è quella di un tavolo di lavoro itinerante ovunque ci sia un Palazzo di Giustizia, per raccontare luci e ombre di un luogo della comunità funzionale alla giurisdizione e il suo rapporto col tessuto urbano e il territorio.

L’adozione del progetto da parte degli Ordini locali di avvocati e architetti, con la proposta di eventi aperti alla cittadinanza e riconosciuti ai fini della formazione continua, consentirà di studiare, indagare, valutare e apprezzare, discutere e proporre soluzioni ai profili talvolta critici di edilizia giudiziaria in Italia, in modo corale, includendo diverse professionalità per un confronto tra diritto, società, etica ed estetica.

 

I contenuti del progetto

Nelle città aderenti all’iniziativa si prevedono in sinergia con i Consigli dell'Ordine di Avvocati e Architetti territoriali, eventi formativi accreditati ai fini della formazione continua professionale sui temi: 

  • la tutela dei diritti presidiati dall’avvocatura e all’amministrazione della giustizia; 
  • la celebrazione dell’architettura come fenomeno storico e come viva realtà dei luoghi dell’uomo;
  • la sociologia del diritto applicata all’architettura;
  • e infine i profili di diritto urbanistico.

Gli eventi sono aperti anche alla cittadinanza per le condivise finalità sociali e culturali delle due professioni con la comune consapevolezza che la prospettiva evolutiva dell’Avvocatura e dell’Architettura contemporanea tende a rendere più diretto e osmotico il rapporto tra le professioni interessate e il Cittadino. 

Le iniziative riguardano:

  • edifici storici antichi (Medioevo, Rinascimento o comunque entro il XiX sec.);
  • edifici nati con progetti specifici nella prima metà del XX sec. e affidati alla progettualità di noti architetti, con riferimento al periodo del ventennio;
  • edifici affidati ad architetti contemporanei.
 

Gli appuntamenti  

  • CATANIA - 3 ottobre 2018, ore 18,00 

    La sede del prossimo XXXIV Congresso Nazionale Forense è ideale per la presentazione del progetto formativo per il risalto naturalmente connesso all’evento ma anche perché il Palazzo di Giustizia di Catania è un edificio di elevato interesse architettura razionalista e storico integrato nel tessuto urbanistico della Città che ospita il Congresso.

 

 

Progetto ideato e curato da

avv. Carla Broccardo (cons. nazionale e Vice Presidente FAI)

arch. Alessandra Ferrari (cons. naz. CNAPPC) 

avv. Carmen Maria Piscitelli