Il Consiglio Nazionale Forense è l’organismo apicale istituzionale dell’Avvocatura e rappresenta l’intera classe forense.

Search

1 Novembre 2006 - CCBE Questionnaire on a future European Contract Law - Guido Alpa

CCBE Questionnaire on a future European Contract Law - Guido Alpa

Settembre 2006 - CCBE Questionnaire on a future European Contract Law A. Introduction I. The European Commission has tabled an "action plan" to prepare and elaborate a "Common Frame of Reference" (CFR) within the acquis communautaire in respect of consumer contract law. The Common Frame of Reference (CFR), which was one of the measures contained in the Action Plan, was presented by the Commission as a toolkit for better lawmaking, i.e. to improve the consistency of the acquis communautaire on contract law by developing common rules and terminology to form the basis of future legislation in this area. In order to improve the progress of work prepared by professors, the Commission has designated approx. 180 stakeholders from the various European countries to work together with the professors and give practical input. II. However, it seems next to impossible for the CCBE as a whole to directly contribute to the work of the stakeholders. The time span to submit any papers in respect of the proposals from the professors to be discussed in workshop and attended only by 25 stakeholders is restricted to two months. Within that time frame, no reasonable or meaningful work can be done by any CCBE Committee/working group, let alone the CCBE. III. Therefore, it seems necessary to concentrate on the CFR and its implication for a (possible) European Contract Law in whatever form by trying to find a common political basis for the work to be done by the CCBE working group. In this respect, the following problematic areas should be discussed and covered during the forthcoming months/years: B. Political implications of a future European Contract Law I. There is no doubt that the work on the CFR will be of great importance for the entire legal profession within the EU. Therefore, the CCBE should play an active role by trying to politically influence the shape of a future European Contract Law. 1) Quite apart from the time constraints already mentioned above, it seems extremely difficult to actively influence the work on the CFR in a timely way during the course of its creation. Furthermore, as the work on the CFR is designed to be finalised by the end of the term of the present European Commission, i.e. at the end of 2009, any reasonable and legally valid comment on the CFR by the CCBE working group has to take into account its final shape. 2) However, any comments elaborated by the CCBE working group (and accepted by the plenary some day in the future) during the time the work on the CFR is still in progress will either be considered belated or - even worse - will comment on proposals already outdated and overruled by the professors or by the Commission. Thus, a legally valid approach in whatever form will not be satisfactory. II. However, any work of the CCBE working group (and finally the CCBE) on a future European Contract Law could be considered as fruitful and even imperative, if there was - politically speaking - some reasonable agreement on the following aspects of European Contract law which are formulated below as Questions 1) Harmonised European Contract Law A positive aspect of a European Contract Law could be seen in the mitigation of trade barriers in the internal market. Against further rules on Contract Law could be argued that at least two main areas of Consumer Contract Law have already been harmonised by virtue of the Sales Directive and the Directive on Unfair Conditions of Contract, yet the existing Directives have by no means been implemented into national law on the basis of the same minimum standards. a) Are you in favour of creating a more widespread European Contract Law or b) Do you think that the harmonisation at European level with regard to Consumer protection is already sufficient? 2) Common Frame of Reference / Tool-box Are you in favour or against a Common Frame of Reference (a "tool-box" with common principles and terminology of Contract Law for future legislation at European/national level)? If your understanding of the tool-box is different, please explain your understanding of the concept before you answer this question. The CFR will focus on contract law and the consumer acquis. Would you agree that the CFR should also include other aspects of general contract law (e.g. formation, validity, performance etc.) or at least some aspects of property law? With regard to property law this might be justified given that fact that the EU is looking into various property related areas, e.g. Green Paper on Mortgage credit in the EU (COM/2005/0327), European Land Information service project, the regulation of retention of title clauses in the Late Payments Directive (Dir 2000/35/EC) and the Insolvency Regulation (Council regulation EC 1346/2000), the Financial Collateral Directive (2002/47/EC) or the Green paper on succession and wills. 3) Mandatory or optional rules If you are in favour of creating a European Contract Law, would you prefer mandatory rules (by creating a "Loi Uniforme" to which the parties then shall be subject without any (alternative) choice of law clause)? or (b) an instrument on the basis of "opt-out" or of "opt-in"? (the revised Rome I convention (COM (2005)650) will allow the parties to choose a non-national system to govern their contract, provided that the system chosen is internationally recognized. The Principles of European Contract Law (PECL) are mentioned are mentioned specifically as such a system.) 4) BTC (Business to Consumer) or also BTB (Business to Business) approach If you are in favour of a European Contract Law, should this cover a) BTC contracts only with a view to consumer protection or b) should BTB contracts be covered additionally? 5) Art.65 lit.(b) EC is the legal basis for the Member States' private international law rules. There is an argument - yet it is seen as rather doubtful- that Art.65 lit.(b) could also imply the competence to harmonise also substantive private law, at least as cross-border relations are concerned. a) Would you agree that irrespective of an existing legal basis, it would seem wise to proceed by drafting a European Civil Code in a way that it could be enacted at a later date without further amendments, as is the intention with the Charter of Fundamental Rights? b) Would you agree that cross-border legal service would be easier for lawyers if a European Civil Code existed and that a European Civil Code would also help to form a common identity among EU lawyers? GUIDO ALPA Risposte al 1. Premessa. Vorrei inserire le risposte al questionario in un contesto più ampio, nel quale fare cenno ad alcuni aspetti della problematica a cui lo stesso questionario fa riferimento e che varrebbe la pena di discutere anche nella prospettiva dell’esercizio della professione forense. Anche se il questionario non pone in discussione in modo radicale l’opportunità o meno di avviare il processo di costruzione di un diritto contrattuale europeo, si avvertono molte riserve nelle discussioni che si ha occasione di fare con avvocati che si occupano del tema . Si tratta di riserve di varia natura. Molte volte si teme che l’introduzione di regole uniformi possa scalzare l’ applicazione delle regole domestiche; altre volte si teme che le nuove regole implichino – nel settore dei contratti – scelte radicali, “ripartire da zero”, e quindi costi imprevisti ed evitabili, come un supplemento di studio , dal momento che la competenza e l’esperienza già acquisite non sarebbero di per sé sufficienti a formare il bagaglio di nozioni e di strumenti necessari ad un avvocato autenticamente “europeo” . Altre volte ancora si teme di perdere posizioni di vantaggio acquisite indirettamente, grazie alla preminenza di un ordinamento sugli altri o di una lingua sulle altre , posizioni di vantaggio che sarebbero più contenute se tutti gli avvocati dovessero , in ambito europeo, “lottare ad armi pari”. Questi timori, queste perplessità, questo scetticismo non sono diffusi solo nell’ ambito della categoria forense : essi riflettono dubbi e critiche ampiamente noti anche in ambito accademico. Le domande di base formulate riguardo ad un “diritto contrattuale europeo” sono state formulate con la consueta acutezza venata di pragmatismo da sir Roy Goode, in una conferenza pubblicata dapprima in Ius Commune Lectures on European Private Law, 8 Maastricht, METRO, 2003 e poi raccolta nel volume curato da F.Willem Grosheide ed Ewoud Hondius, International Contract Law.Anrticles on Various Aspects of Transnational Contract Law, 2003 (Intersentia, 2004), p. 309 ss.: 1.1. C’è bisogno di un diritto contrattuale europeo? La domanda riguarda il diritto contrattuale europeo inteso come diritto contrattuale armonizzato ovvero codificato. Molti sono gli studiosi che si sono cimentati nella risposta, e non possiamo dire, data l’immensa letteratura al riguardo, se siano più numerosi i fautori di un diritto contrattuale europeo oppure i fautori della situazione attuale, che , portando con sé i crismi della tradizione, privilegia la diversità. Certo non è il numero , in questo caso, a decretare chi abbia ragione e chi abbia torto. E’ il peso degli argomenti , la loro persuasività, la loro razionalità, a stabilirlo. Occorre però sgombrare il campo da alcune aporie. La prima aporia è data dal collegamento tra la costruzione del diritto contrattuale europeo e la scelta della legge applicabile al rapporto negoziale istituito tra le parti. Ecco, se tutto si potesse risolvere nel senso che è sufficiente applicare le regole del diritto internazionale privato per stabilire quale sia la legge del contratto, il problema del diritto contrattuale europeo non si porrebbe neppure. Ma il problema esiste, ed è diverso dalla semplice “choice of law”(sul punto v. Alpa e Andenas, Fondamenti del diritto privato europeo, Milano, 2005, II, cap.1). Qui non viene in gioco quale sia la legge applicabile, perché anche un “codice-modello” elaborato a livello europeo potrebbe divenire la legge scelta dalle parti e applicata al loro contratto. Proprio al contrario: le regole di diritto internazionale privato non funzionano così agevolmente, e la scelta della legge applicabile potrebbe essere imposta da una parte all’altra; ancora, ciò che si vuole evitare è proprio il punto di arrivo a cui perviene il diritto internazionale privato: non scegliere tra leggi, ma costruire una legge unica per tutti. O comunque costruire una base solida e minimale sulla quale innestare regole speciali che non cadano nel vuoto ma abbiano intorno a sé una “rete di sicurezza” , un appiglio per poterle interpretare e applicare correttamente e uniformemente in tutti i Paesi Membri dell’ Unione . La seconda aporia riguarda la “bellezza” o la “irrinunciabilità” della diversità: l’ assunto “the virtue of diversity” è diventato un luogo comune (v. Wagner(G.), The Vritues of Diversity in European Private Law, in Smits (cur.), The Need for a European Contract law.Empirical and Legal Perspectives, Groningen/Amsterdam, 2005,p. 3 ss.; McKendrick, Harmonisation of European Contract Law: Teh State We Are In, in Vogenuaer a Weatherill (curr.), The Harmonisation of European Contract Law.Implications for European Private Laws, Business and Legal Practice,Oxford e Partland, Oregon, 2006, p. 28 ss.). Di nuovo, siamo al di fuori del nostro campo, e il problema da risolvere non è questo. La comparazione è una miniera, saper fare comparazione una grande qualità, utilizzare i risultati della comparazione una grande ricchezza, ma nel nostro caso non si mette in gioco questa scienza (o questo metodo), né si vuol ignorare o peggio emarginare le tradizioni nazionali e le fonti delle culture giuridiche nazionali, i grandi codici che hanno fatto la storia degli ordinamenti , i grands arrets che ne hanno scandito l’evoluzione. Piuttosto stiamo discutendo di come far sì che beni e servizi possano circolare sulla base di regole uniformi, non di regole tra loro “diverse”. D’altra parte, se ci dovessimo arrestare dinanzi ai vantaggi della diversità ( delle regole) non vi sarebbe necessità di convenzioni, di accordi multilaterali, e, tutto sommato, neppure del c.d. diritto uniforme. Ed allora, c’è bisogno di un diritto contrattuale europeo? 1.2. La critica del diritto contrattuale uniforme dall’angolo visuale del diritto dei rapporti commerciali. Come dicevo, la domanda è posta in modo garbato da un emerito studioso del diritto commerciale e della lex mercatoria qual è sir Roy Goode. Essa ricalca le questioni di base che si poneva uno dei fondatori della comparazione giuridica in Inghilterra, Harold C. Gutteridge : Per rispondere alla prima domanda , Goode muove dal punto di partenza da cui si sono mosse le istituzioni e alcuni gruppi di studio . Egli ritiene che già il punto di partenza per la costruzione di un diritto contrattuale armonizzato (o addirittura codificato) a livello europeo non sia corretto. In altri termini, a suo dire chi sostiene che le differenze esistenti attualmente tra i sistemi nazionali di diritto contrattuale e di diritto commerciale siano dannose per gli scambi economici non ha ancora documentato le ragioni di questi svantaggi, e d’altra parte non risulta che gli operatori economici li abbiamo mai lamentati. Le società multinazionali sono aduse a utilizzare regole nazionali differenti tra loro, e le differenze rilevano solo quando le leggi nazionali impongono regole imperative, altrimenti se le regole sono derogabili, le imprese possono predisporre moduli contrattuali standardizzati da applicare in ogni ordinamento raggiunto dalla loro attività. La critica di Goode si appunta anche nei confronti di chi usa l’argomento secondo il quale l’acquisto transanzionale di beni e servizi da parte dei consumatori sarebbe agevolato da un diritto contrattuale uniforme non porta prove concrete : è un fatto meramente ipotetico far dipendere il successo del commercio dalla consapevolezza o meno che i consumatori hanno della legge applicabile al contratto. Per rispondere alla seconda domanda, Goode ritiene che un codice vincolante per le parti non costituirebbe la migliore soluzione del problema: un codice presuppone un background sociale, culturale ed economico comune a tutti gli Stati Membri, ma questo tessuto connettivo non esiste ancora. Né si può sostenere che vi siano maggiori similitudini che non differenze tra i diversi ordinamenti, né che la Commissione europea abbia il tempo e la competenza tecnica per realizzare questo scopo, né che i gruppi di studio dedicati ad esso abbiano la legittimazione ad imporre regole agli operatori. Un processo democratico richiede che in questa iniziativa siano coinvolti tutti gli attori del mercato e valutazioni di natura politica che devono maturare in altri luoghi. A tutti questi problemi Goode aggiunge il problema della lingua: la traduzione implica scelte di natura concettuale, e si finisce per inventare una lingua ad hoc, al fine di redigere testi accettabili da tutti. Ma ciò che più ne soffrirebbe sarebbe la scienza giuridica, perché tutti i libri dovrebbero essere riscritti, e ne risulterebbe distrutta la stessa comparazione del diritto contrattuale. Questo non significa, nelle sue conclusioni, che un “codice-modello” non sia auspicabile, ma la condizione per Goode imprescindibile è che siano le parti a sceglierne l’applicazione, secondo le regole del diritto internazionale privato. Roy Goode sintetizza in poche battute un indirizzo scettico, quando non contrario alla armonizzazione e alla codificazione del diritto contrattuale europeo nel quale confluiscono molti studi , condotti con diversi metodi. E tuttavia la sua posizione non è drasticamente negativa, dal momento che ammette sia l’utilità di un processo di codificazione, sia la sua funzionalità, se il prodotto che ne deriva sia oggetto di una libera scelta delle parti contraenti. Gli svantaggi dell’armonizzazione sono approfonditi da Ewan Mc Kendrick (op.loc.cit.), secondo il quale ben difficilmente si potrà realizzare un consenso unanime sulla redazione di un testo di diritto contrattuale uniforme, e gli effetti della sua applicazione potrebbero non portare i vantaggi che si prefigurano i fautori di questa iniziativa. Di più. La varietà delle scelte offerte dai sistemi nazionali ai contraenti che vogliano concludere un’operazione economica è tale che la decisione di armonizzare il diritto contrattuale farebbe venir meno questa opportunità. E’ l’argomento sulla concorrenza tra ordinamenti , che sta a cuore a molti studiosi di diritto comparato. Ma ulteriori argomenti contrari alla costruzione di un diritto contrattuale europeo provengono dai giuristi che vivono in esperienze nelle quali più ordinamenti giuridici convivono tra loro, per effetto del multilinguismo o per effetto delle differenti nazionalità ( si pensi , a mero titolo di esempio, al Belgio, alla Scozia e all’Inghilterra a,o alle Comunità Autonome della Spagna) e dai giuristi che applicano i metodi di analisi economica del diritto per dare soluzione a questo problema. 1.3. La critica all’ intervento legislativo Tra le tante, sollecitanti idee, che si sono affacciate, occorre anche considerare quella , ammantata di profondo scetticismo, che intravede nel codice “europeo” l’illusione di reagire al processo di globalizzazione , ormai irreversibile nei tempi, nei modi e nei confini territoriali, conservando valori e tencniche di un diritto contrattuale destinato ad essere sopraffatto dalle prassi sovranazionali. Di più, l’illusione sarebbe erosa non solo dal livello più alto – quello appunto delle regole di una globalizzazione planetaria – ma anche al livello più basso, atteso che in molte esperienze nazionali anche il diritto contrattuale fa parte delle fonti regionali, non più sottoposte alla durezza del diritto statuale ma in competizione con questo. La codificazione di un diritto contrattuale europeo si porrebbe quindi in conflitto con il diritto globalizzato, finendone necessariamente sconfitto , e con i diritti locali, finendo per esplicitare venature autoritarie e antipluraliste (Irti, Nichilismo giuridico, Roma-Bari,2004).. In questa linea di idee si collocano quanti ritengono che solo la lex mercatoria - ovviamente la nuova lex mercatoria – sarebbe in grado di sopperire alle esigenze economiche del mercato (Galgano, La globalizzazione nello specchio del diritto, Bologna, 2005). Ma qui si innestano le critiche di chi concepisce il contratto non come semplice “veste giuridica” di una operazione economica ma come mezzo di realizzazione convenzionale di interessi privati che il legislatore può però arricchire di contenuti sociali. Ed allora la discussione ritorna sulla concezione ( non tecnica ma politica) di “contratto” , di “libertà negoziale”, di “autonomia contrattuale” e di ruolo del legislatore e del giudice nel controllo del comportamento dei contraenti, dello scopo, della forma e del contenuto delle loro operazioni . 1.4. La critica alla compressione dell’evoluzione spontanea della situazione Sempre sul terreno della concezione liberista si collocano quanti militano a favore di una naturale evoluzione dei sistemi, che porta a rimediare alle situazioni più critiche derivanti dalla applicazione delle direttive e dalla conservazione di principi domestici ormai superati. La concorrenza tra ordinamenti , l’aggiornamento dei sistemi nazionali anche sulla base delle regole uniformi dettate in alcuni settori, come quello della vendita internazionale, l’ imitazione o il trapianto di principi elaborati ab externo a fini della uniformazione del diritto sarebbero altrettanti fattori di avvicinamento delle normative nazionali che non richiederebbero né spinte né imposizioni provenienti dal legislatore comunitario. A tutti questi argomenti si è cercato di dare risposte compiute nei diversi interventi effettuati a favore della redazione di un “codice modello” di diritto contrattuale europeo ( da ultimo v. Alpa, Harmonisation and Codification in European Contract Law, in Vogenauer e Weatherhill, op.cit.,p. 149 ss.; Hondius, Towards a European Civil Code, International Contract Law, cit.,p. 147 ss.; Hartcamp, Principles of Contract Law, ivi, p. 171 ss.; Hesselink, The Ideal of Codification and the Dynamics of Europeanisation: The Duch Experience, in Vogenauer e Weatherill, op.cit,p. 39 ss.) : in altri termini, pervenire ad una armonizzazione delle regole che riguardano i rapporti contrattuali transnazionali europei costituisce, dal mio punto di vista, un vantaggio così grande da compensare gli svantaggi che sopra si sono accennati. 2. Quali costi implica la redazione di diritto contrattuale europeo? Molti degli argomenti spesi a favore o contro la armonizzazione o l’uniformazione del diritto contrattuale europeo sono ancorati alla analisi economica del diritto. Si tratta tuttavia di argomenti che non fondano le loro ragioni su dati economici concreti né su ricerche effettuate “sul campo”. Gli argomenti sono di ordine razionale, in quanto è comune la convinzione che attualmente non sia possibile stabilire sulla base dell’analisi economica se sia più vantaggioso conservare la situazione esistente o più vantaggioso cambiare il sistema, passando da un modello policentrico di normazione ad un modello accentrato . La prospettiva dell’analisi economica dei processi di creazione del diritto contrattuale europeo costituisce il terreno che raccoglie i contributi predisposti da alcuni studiosi di diversa estrazione scientifica e di diversa formazione culturale, oltre che di diversa provenienza nazionale (Smits (cur.), The Need for a European Contract Law, cit.). Alcuni ritengono che le regole del diritto internazionale privato e le regole convenzionali – come quelle previste dalla Convenzione di Roma del 1980 – portino incertezza nella scelta della legge applicabile e quindi costi transattivi che dovrebbero essere evitati (ad es.v. G.Wagner, op.cit.,p.14). Tuttavia il rimedio non pare sia quello della uniformazione ma piuttosto una maggior libertà delle parti nella scelte della legge applicabile. Le “virtù della diversità” sono tutte orientate ad ampliare la libertà contrattuale piuttosto che non ad imporre alle parti una scelta vincolata. Si auspica solo l’armonizzazione del diritto contrattuale dei consumatori , anche se un “codice di diritto contrattuale europeo” di natura opzionale è , alla fine dei conti, ben accetto (op.cit.p.16). Nell’impossibilità di calcolare i costi e i benefici della armonizzazione (op.cit.,p. 19) ssi procede allora con il confronto tra diverse soluzioni. La scelta del cambiamento potrebbe ( secondo H.Wagner, op.cit.,p. 39) implicare costi di natura politica, potrebbe imboccare una via differente da quella originariamente prevista, potrebbe condurre a risultati meno soddisfacenti di quelli pronosticati. Per contro, la situazione esistente consente la scelta della situazione preferibile, dà ingresso ad una competizione efficiente degli ordinamenti, ridurrebbe al minimo i costi dei processi burocratici. Ma gli stessi economisti sono consapevoli del fatto che anche la “legal diversity” crea costi: innanzitutto, costi determinati dall’acquisizione delle informazioni necessarie per effettuare la scelta della legge applicabile e quindi adattare ad essa la redazione del contratto che si vuol concludere; costi determinati dal contenzioso giudiziale derivante dalla applicazione di regole proprie di diversi sistemi giuridici; costi derivanti dal fatto che i contratti sono esposti all’incertezza della mutevolezza continua del diritto contrattuale appartenente a differenti sistemi; costi derivanti dal sistema di amministrazione della giustizia che cambia da Paese a Paese (H.Wagner, op.cit..,p. 44). Nella consapevolezza che anche la diversità crea costi, la soluzione della armonizzazione, a prima vista la panacea di tutti i mali; ma viene tuttavia scartata in quanto a sua volta genera costi transattivi e pertanto si considera “più desiderabile” un approccio step by step (H.Wagner, op.cit., p. 44-45), un approccio dunque che non si ponga l’obiettivo ambizioso di redigere un codice “completo” del diritto contrattuale europeo ma risolva mediante regole uniformi innanzitutto i contrasti normativi derivanti dalle operazioni transfrontaliere e poi promuova l’ avvicinamento dei sistemi di procedura civile per migliorare l’amministrazione della giustizia in ambito europeo. Dal punto di vista “behaviourista” si ritiene che gli operatori non avvertano la necessità del cambiamento e sia perciò preferibile una convergenza spontanea delle regole in materia di contratti (Kerkmeester, op.cit.,p. 86). Anche l’ acquis non è considerato un mezzo ottimale per il raggiungimento dell’obiettivo. Esso, a detta di alcuni, genera diversità anziché armonizzazione, incertezza anziché uniformità delle scelte interpretative (Smits, op.cit.,p. 164). E ciò per varie ragioni: (i) le direttive perseguono una armonizzazione minimale, e il legislatore comunitario lascia liberi gli Stati Membri di colmare gli spazi, oppure di elevare lo standard di protezione degli interessi tutelati, oppure ancora di effettuare addizioni al testo-base approvato, sì che negli ordinamenti interni le regole di derivazione comunitaria non si corrispondono perfettamente; (ii ) l’interpretazione delle direttive e delle norme di attuazione varia perché esse contengono clausole generali, espressioni vaghe, termini generici e quindi legittimano l’attribuzione di significati diversi alle medesime regole nei diversi ordinamenti; (iii) l’ acquis è frammentario , tocca settori o aspetti marginali e le direttive non sono tra loro coordinate. Tuttavia, se pare poco desiderabile la redazione di un codice “imposto alle parti”, la soluzione complessiva è nel senso di un “codice modello” scelto dalle parti come legge del contratto( Smits, op.cit.,p. 179). In fin dei conti, anche coloro che argomentano in termini di analisi economica del diritto convengono poi sulla conclusione secondo la quale un codice modello è preferibile alla situazione così come ora si presenta. 3. Chi è legittimato a redigere un “codice europeo dei contratti”? La domanda si è posta soprattutto all’attenzione degli studiosi inglesi e italiani, ma per ragioni non identiche. . Tra gli studiosi inglesi alla trattazione di questo problema si è dedicato Stephen Weatherill (Constitutional Issues- How Much is Best Left Unsaid?, in Vogenauer e Weatherill, op.cit.,p. 89 ss. ; Vogenauer e Weatherill, The European Community ‘s Compe tence to Pursue the Harmonisation of Contract Law – an Empirical Contribution to the Debate, ivi, p. 105 ss.). Egli ha sottolineato come nelle tre Comunicazioni della Commissione (rispettivamente del 2001, 2203 e 2004) che costituiscono la linea di sviluppo della disciplina in via di edificazione questa domanda sia rimasta sullo sfondo, quasi occultata da altri temi, nonostante si trattasse di un problema cruciale di natura “costituzionale”, perché investe direttamente la competenza, e quindi la legittimazione, degli organi comunitari ad occuparsi del problema. Sicché questa competenza è stata esercitata sotto lo schermo del principio ed ha preso l’ avvio con l’armonizzazione delle regole in certi settori del diritto contrattuale dei consumatori. A suo parere lo stesso art. 153 del Trattato CEE, che impegna la Comunità a contribuire alla tutela degli interessi ( anche economici) dei consumatori,non potrebbe costituire il fondamento della legittimazione, e neppure l’art. 95 del Trattato, richiamato dall’art. 153. In altri termini, una radicale innovazione di natura legislativa quale quella della redazione di regole comuni in materia di contratti in generale non potrebbe che appartenere all’organo legislativo ed essere confinata solo ai settori in cui specificamente l’ Unione si vede assegnata una competenza precisa (cioè l’area dei diritti dei consumatori). Nonostante le perplessità sollevate, in un convegno organizzato a Oxford dallo stesso Weatherill e da Stefan Vogenauer, dedicato alla valutazione delle risposte ad un questionario, concernente proprio questo tema e la opportunità della edificazione di un diritto privato europeo, inviato a imprenditori e categorie o organizzazioni rappresentative di imprenditori, la desiderabilità di una disciplina uniforme anche in materia contrattuale nei rapporti transnazionali è emersa con forza (Vogenauer e Weatherill, op.cit.,p. 117 ss.). Il campo di applicazione delle regole di carattere generale dovrebbe tuttavia, secondo questa indagine, limitarsi ai rapporti contrattuali con i consumatori e puntare al miglioramento dell’ acquis. Da parte degli studiosi italiani si è sollevata la questione della competenza non tanto sotto il profilo della legittimità testuale, derivata dal Trattato CEE, quanto piuttosto della legittimità di natura politica, riguardante la introduzione a livello europeo, di un “codice di diritto contrattuale”. Il presupposto della critica si fonda sul fatto che l’espressione “codice” e l’dea di “codice” , almeno nella cultura europea continentale implica un processo costitutivo , una base di consensi, un ruolo preminente nell’ambito del sistema delle fonti del diritto e dei pilastri di un ordinamento giuridico, che non può essere affidato né ad un organo comunitario ( di per sé tecnicamente incapace di redigerlo) né delegato a centri di ricerca esterni, né ad una semplice verifica condotta da esponenti di stakholders. Una materia come questa dovrebbe essere decisa dagli Stati Membri con il concorso dei cittadini europei (per tutti v. Rodotà, in Codici, Milano, 2003).. Il problema si sposta dunque dalla dimensione tecnica alla dimensione politica. 4. Quali valori dovrebbe incorporare un “codice europeo dei contratti” ? La discussione su questo aspetto della problematica è stata aperta originariamente dagli studiosi italiani ; ad essa ha fatto seguito un dibattito che si è esteso ben al di là dei confini domestici ; ed un gruppo di studiosi ha persino avvertito l’esigenza di firmare un “manifesto” dal titolo ( Social Justice in European Contract Law: A Manifesto, in 10 European .L.J..,6, 653 (2004); e i commenti di Somma, Scienza giuridica, economia e politica nella costruzione del diritto privato comunitario, in Riv.crit.dir.priv., 2006, n.2; ID., Diritto comunitario v. Diritto comune europeo, Torino, 2003). Nell’ambito di uno scenario tanto sfaccettato si possono solo individuare alcune direttrici che segnano l’ ambito e la cifra del dibattito. 4.1. La critica all’ “ordoliberismo” Dal punto di vista di una parte della dottrina italiana – peraltro espressiva di una larga maggioranza – le attuali proposte di un codice dei contratti, ma anche di semplici documenti preparatori ad un codice dei contratti, o di restatements e tavole di principi, presenterebbero la grave manchevolezza di privilegiare solo gli aspetti tecnici, redazionali, piuttosto che codificare regole rivolte a tutelare i diritti dei cittadini. Si contesta dunque il metodo sotto il profilo della sua base di partenza: si assume come dato l’ acquis, si assumono come dati i valori sui quali si fonda l’ acquis, senza peraltro considerare che il settore degli interessi dei consumatori è solo uno spicchio dell’area posta dal diritto contrattuale e che il cittadino europeo non può essere ridotto alla semplice dimensione di consumatore. Sono ben altri i valori condivisi dalle costituzioni europee e dai valori incorporati nella Carta di Nizza, che per l’appunto dipingono ( anche se con tinte talvolta ritenute troppo lievi) un cittadino europeo protetto nei valori della persona di contro ai valori del mercato. E proprio sui caratteri perniciosi di un ordinamento “mercatocentrico” hanno insistito coloro che hanno segnalato come attraverso il diritto contrattuale europeo si vorrebbero codificare a livello generale le direttive rivolte a liberalizzare il mercato e cioè a favore non tanto gli interessi dei cittadini europei ( ridotti al semplice ruolo di consumatori di beni e servizi) quanto piuttosto gli interessi degli operatori professionali. Il diritto contrattuale europeo , già nelle forme dell’ acquis, serve tali interessi. L’operazione consisterebbe nell’espandere questa linea a tutto il diritto contrattuale, sacrificando valori e interessi del “cittadino” europeo. Ciò in quanto nelle esperienze nazionali la giurisprudenza costituzionale e la giurisprudenza ordinaria, insieme con gli interventi legislativi e le proposte dottrinali , hanno arricchito il diritto contrattuale inteso certamente come il motore dello sviluppo economico ma anche come il motore dei valori individuali nei rapporti negoziali tra privati. Le critiche che già si rivolgono al metodo legislativo di normazione attraverso singole direttive e le critiche che già investono l’ acquis, si moltiplicano dunque nel considerare l’opportunità ( qui del tutto scongiurata) di procedere alla codificazione di un diritto contrattuale “amorfo”, “tecnicamente neutro”, e quindi ideologicamente connotato, perché rivolto a tutelare gli interessi dei professionisti. Il “Manifesto” per parte sua riprende alcune delle critiche promosse dagli Autori italiani, segnala il difetto di democrazia nel processo di costruzione del diritto contrattuale, rivendica una maggior giustizia sociale che l’ acquis ed ogni altra proposta attuale non si cura di realizzare, quasi che la sola tutela di alcuni interessi dei consumatori (peraltro collocata al livello meno implicante) di per sé potese soddisfare le esigenze di un “contratto giusto”. In più il “Manifesto” segnala il pericolo che la reductio ad unum delle regole contrattuali oggi grande risorsa delle culture nazionali ricche della loro diversità finirebbe per appiattire in un linguaggio burocratico, in un testo “annacquato” e scialbo la densità e la pregnanza di tradizioni secolari e di sistemi dinamicamente vivaci. Ancora. Si è sottolineato come sia cangiante, ispirato cioè a differenti livelli di intervento e a differenti raggi di azione il welfarism dell’acquis e delle regole comunitarie in materia di contratti, potendosi distinguere: (i) un modello rivolto a razionalizzare il funzionamento del mercato promuovendo l’autonomia delle parti attraverso l’imposizione di obblighi di informazione; (ii) un modello rivolto a correggere le dinamiche di mercato al fine di rendere accettabili i comportamenti dei professionisti, utilizzando regole di correttezza ; (iii) un modello rivolto a realizzare forme di giustizia distributiva, che tutelano la parte più debole incidendo sul contenuto del contratto; (iv) un modello di giustizia contrattuale distributiva di tipo egalitario rivolto a tutelare categorie di “parti deboli”; (v) un modello di intervento rivolto a tutelare la parte che si trovi in una situazione di particolare difficoltà , come nei casi di “forza maggiore”; (vi) un modello rivolto a tutelare interessi pubblici, quali l’ambiente o i diritti fondamentali. La risposta a queste variegate tecniche di intervento presuppone proprio quella libertà d’azione del legislatore che sarebbe invece notevolmente limitata da un codice civile europeo (Wilhelmsson, The Ethical Pluralism of Late Modern Europe and Codification of European Contract Law, in Smits (ed.), op.cit.,p. 138 ss.). 4.2. La critica della “giustizia contrattuale” All’opposto, molti giuristi ritengono che un codice modello dovrebbe esaltare la libertà contrattuale, non contenere norme inderogabili, non imporre clausole o tipi contrattuali, ma risolvere solo le questioni più elementari di interpretazione dei termini utilizzati nelle direttive e lasciare alle parti tutto lo spazio aperto loro da inventiva, abilità, competenza , potenza economica. Nessuna regola dovrebbe,in questa logica, essere prevista per i rapporti B2B, mentre alcune regole di mera tutela elementare dovrebbero essere incluse nei rapporti B2C.( in questo senso Perfetti, in Diritto privato europeo, Quaderni del Consiglio nazionale forense, 2005, a cura di G.Alpa). E tuttavia in ogni ordinamento si registra un trend a favore non solo di una maggior giustizia contrattuale nei contratti dei consumatori (per eliminare la vessatorietà delle clausole e l’asimmetria informativa delle parti) ma anche una maggior giustizia contrattuale nei contratti B2B (per eliminare l’abuso di dipendenza economica o l’abuso di posizione dominante). 4.3. La critica della base codicistica dei diritti fondamentali Chi è sensibile alla dimensione sociale delle regole del diritto contrattuale europeo si affida ai diritti fondamentali per dare una base etica a regole che altrimenti sarebbero soltanto l’esito di una esercitazione accademica. La gran parte dei giuristi opina in questo modo, non solo per la rilevanza attuale ( acquisita nel modello occidentale) dei diritti fondamentali ma anche perché la loro applicazione ai rapporti tra privati è esperienza comune a tutti gli ordinamenti nazionali. Ma vi sono alcuni che contestano la fattibilità di sistema organico dei diritti fondamentali e quindi escludono che essi possano costituire il tessuto connettivo di un codice del diritto contrattuale (Wilhelmsson, op.cit.,p. 141 ss.). E tuttavia è impensabile non applicare i valori incorporati nella Carta di Nizza ai rapporti contrattuali e non coordinare un “codice modello” con la dimensione costituzionale europea. 5. Come procedere nella redazione di un “codice europeo dei contratti” ? Vi è poi chi ritiene che sia tramontata l’idea di codice ottocentesco, e che essa non solo non possa, ma neppure debba essere riproposta in una società come la nostra nella quale il diritto è necessariamente “frammentato”, in quanto non vi è più un coerente sistema di valori etici sui quali una tavola uniforme e sistematica di regole potrebbe trovare fondamento; essendo ogni ordinamento diviso in blocchi di regole, che mediano interessi tra loro in conflitto, un ordinamento deve necessariamente essere “flessibile” e quindi mal sopporterebbe le maglie costrittive di una codificazione, anche se ridotta al solo settore contrattuale (Wilhelmsson, op.cit.,p.130 ss.). Ma la polemica sull’attualità dei codici non trova fondamento nelle iniziative degli organi comunitari. Non solo perché – anche se il Parlamento europeo indulge a denominare “codice” il set di regole uniformi che si vorrebbero introdurre – la Commissione ha modificato la rotta dei lavori ed ha assai circoscritto gli obiettivi da raggiungere, ma anche perché , se pure di “codice” si trattasse, ovviamente il prodotto del lavoro non avrebbe né i caratteri, né le funzioni, né l’immagine di un codice civile vero e proprio. Non ne avrebbe i caratteri, perché l’idea di codice è associata alle esperienze nazionali. E per l’appunto le vie diverse che hanno scelto i legislatori nazionali riguardo ai codici attualmente vigenti dimostrano come ogni codice abbia una storia a sé, e rappresenta un’esperienza che non è né esportabile né condivisibile . Il “codice europeo” sarebbe la risultante di esperienze e culture nazionali, esigenze economiche e sociali avvertite a livello europeo, scelte innovative, linguaggio e tecniche redazioni a sé stanti. Non ne avrebbe le funzioni, perché il codice civile, un tempo “legge dei privati”, oggi funziona da tessuto connettivo tra regole di diritto comune e regole di diritto speciale, tra regime ordinario e codici di settore, tra Costituzione e tutela degli interessi privati. Mentre il “codice europeo” avrebbe la funzione di coordinare le regole di diritto privato emanate a livello comunitario e ridurle ad un ordine sistematico. Ciò anche mediante principi generali, clausole generali, termini sufficientemente vaghi, in modo da essere flessibile, facilmente modificabile, agevolmente conoscibile, interpretabile e applicabile. Non ne avrebbe l’immagine, perché non sarebbe – come è avvenuto per la Costituzione europea – oggetto di votazioni plebiscitarie né di referendum. Un codice, ancorché pregno di valori e di policies, richiede una abilità ed una preparazione tecnica che non possiedono né il Parlamento europeo né la Commissione. E tuttavia, perché non resti un’esercitazione accademica, il codice ha bisogno dell’ uno e dell’altra. Della Commissione, per poter consentire i contatti , le riunioni, le discussioni, tra i redattori e gli stakeholders, e quindi per arricchire con l’esperienza e con la esternazione degli interessi coinvolti i testi di volta in volta presentati all’ esame degli organi competenti. Del Parlamento, perché le scelte vitali , la tutela dei diritti fondamentali, la comparazione degli interessi in conflitto, richiedono una valutazione politica che solo il Parlamento (europeo) può effettuare. Altro discorso riguarda le modalità di utilizzazione del “codice”. E qui, ovviamente, si può scegliere la politica dei piccoli passi, la politica della libera opzione delle parti, la politica della derogabilità ex ante oppure ex post. Tutte queste sono scelte che si possono fare più avanti, perché non incidono né sul metodo, né sui contenuti né sui tempi di redazione del lavoro. 6. Quale posizione deve assumere l’ Avvocatura riguardo al diritto contrattuale europeo? Fin da quando gruppi di ricerca – in particolare il gruppo istituito da Ole Lando , poi coordinato con Hugh Beale, il gruppo costituito da Christian v.Bar, il gruppo cotituito da Giuseppe Gandolfi – hanno avviato i lavori di comparazione giuridica preliminare e di redazione di testi progettuali il Consiglio nazionale forense ha cominciato a seguire queste iniziative, ad organizzare seminari ed incontri, ad ospitare gli stessi gruppi di ricerca, per dare il proprio contributo (v. i Quaderni della Collana del CNF, editi da Giuffré, Milano). E quando gli organi comunitari hanno promosso iniziative al riguardo, il CNF ha manifestato una posizione molto aperta riguardo alla possibilità di pervenire ad un “codice modello” diretto a regolare i contratti in ambito europeo. . A proposito dei piani di azione della Commissione riguardanti le iniziative di armonizzazione ed eventuale unificazione del diritto contrattuale europeo, la rappresentanza europea dell’ Avvocatura (CCBE) si è posta alcuni interrogativi di base, che concernono innanzitutto l’opportunità o meno di occuparsi in modo diretto e fattivo di queste iniziative. Per il momento, essendo i più ampi ed articolati progetti circoscritti al miglioramento dell’ acquis communautaire il CCBE ha preferito attendere di conoscere il risultato finale di questo lavoro, piuttosto che intervenire medio tempore , rischiando di effettuare interventi intempestivi e quindi inutili. Nello stesso tempo , ha espresso la volontà “politica” di non rimanere indifferente all’iniziativa, poiché appare doveroso, per chi potrà essere chiamato ad applicare nuove regole o comunque a seguire nuovi modelli prenderne consapevolezza in anticipo e farne anche una valutazione critica. L’armonizzazione del diritto contrattuale europeo è vista, in questa prospettiva, come un mezzo per ridurre le barriere tuttora esistenti nel mercato interno. Il diritto contrattuale è dipinto anzitutto come un corpo di regole nel quale due aree già sono state armonizzate dalla direttiva sulle clausole abusive e dalla direttiva sulle garanzie nella vendita, in cui l’armonizzazione è stata effettuata seguendo standard minimi. 6.1. Ambito della armonizzazione. Il primo interrogativo che si pone è dunque se questa armonizzazione debba estendersi ad altre aree. Se si tiene conto del fatto che , oltre alle due direttive di portata generale, l’ Unione ha effettuato interventi che riguardano sia le modalità di conclusione del contratto (le vendite fuori dei locali commerciali,le vendite a distanza di beni di consumo e di servizi, le vendite di servizi finanziari ) sia contratti speciali ( come il credito al consumo, i viaggi e vacanze tutto compreso, la multiproprietà) e se si considera che ormai i consumatori , per la loro mobilità e per l’intensificarsi della concorrenza, sono portati o sollecitati a concludere altri tipi di contratto si potrebbe rispondere, sempre tenendo conto dell’esigenza di abbattere le barriere che sia opportuno: (i) procedere al completamento della armonizzazione delle regole che solo parzialmente si sono assoggettate a questo processo , come ad es. l’armonizzazione della disciplina complessiva del contratto di vendita ordinaria e degli altri tipi di vendita; (ii) procedere alla armonizzazione delle regole che riguardano contratti con cui i consumatori compiono operazioni economiche fondamentali , quali la locazione di immobili, il trasporto, il mandato, la mediazione e i contratti di servizi essenziali ( per inciso, la direttiva generale sui servizi è in corso di approvazione e quindi anch’essa verrebbe a colmare una lacuna del diritto contrattuale europeo); (iii) procedere alla armonizzazione delle regole che riguardano tutti i contratti bancari,di investimento finanziario e di assicurazione, che già in parte sono assoggettate a direttive comunitarie o a semplici raccomandazioni (come il mutuo per l’acquisto della casa di abitazione) , e ai contratti ad essi correlati, come la fideiussione e le altre garanzie personali , la garanzia a prima richiesta, e così via. 6.2. Livello dell’armonizzazione Così dicendo si è già anticipata la risposta al secondo interrogativo, che riguarda il livello di armonizzazione delle regole in materia contrattuale. Qui, di fronte al dilemma se scegliere il livello minimo o quello massimo – rispetto al quale le opzioni nazionali sono molto ridotte e soprattutto l’attuazione delle direttive piuttosto rigida – credo che si debba dare ingresso alla armonizzazione massima e rigida. Solo in questo modo si potranno rendere il più possibile omogenee le disposizioni da applicare sotto il profilo del testo , della sua interpretazione, della uniformità dei comportamenti e delle prassi, soluzione dei casi in via giudiziaria , arbitrale o conciliativa. 6.3. La scatola degli strumenti (toolbox) Il terzo interrogativo riguarda la “scatola degli strumenti” ( tool-box) che si sta confezionando con l’iniziativa del “common frame of reference”. Ai settori nei quali il diritto contrattuale europeo è già una realtà, perché le direttive in materia sono molteplici, ma presentano “lacune” dal punto di vista della completezza delle operazioni più frequenti compiute dai consumatori si dovrebbero anteporre logicamente, anche se non temporalmente, due altre operazioni: (i) l’unificazione terminologica e concettuale , per modo che termini, nozioni, istituti, di volta in volta impiegati nelle direttive, non creassero problemi interpretativi sia a livello di traduzione linguistica sia a livello di attuazione e quindi di adattamento negli ordinamenti nazionali; (ii) la costruzione di una base normativa di carattere generale, perché l’armonizzazione non si disperda poi nei rivoli delle trasposizioni troppo connotate dalle tradizioni, dalla cultura e dalla struttura degli ordinamenti nazionali. Pertanto, i principi generali che riguardano la formazione, la validità, l’adempimento,l’inadempimento, lo scioglimento del rapporto contrattuale, il risarcimento del danno e così via) non possono che consolidare e completare l’ acquis, ma anche porre l’interprete nella corretta e più semplice posizione di chi , utilizzando disposizioni che riguardano contratti speciali oppure modalità speciali di conclusione del contratto, non cade in equivoco sulle formule adoperate dalle direttive: gli esempi eclatanti riguardano gli obblighi di informazione e la loro violazione, la completezza del contratto, le tecniche di scioglimento, come il recesso, le sanzioni per l’inadempimento. E’ chiaro che anche la disciplina dei rapporti negoziali che riguardano la proprietà, le garanzie immobiliari, e i modi di acquisto della proprietà, a titolo originario e a titolo derivato, e pure gli atti mortis causa, gli atti unilaterali dovrebbero essere presi in considerazioni. E ci si può chiedere perché non prendere anche in considerazione, per completezza d’insieme, la disciplina generale delle obbligazioni, la gestione d’affari altrui, l’arricchimento senza causa e la ripetizione dell’indebito ( in senso lato la problematica della restitution )e pure la responsabilità civile. Quanto al settore della responsabilità civile , già essendo operante la direttiva sulla responsabilità del produttore, che tuttavia prescinde dalla disciplina generale dell’illecito e del risarcimento del danno extracontrattuale, si dovrebbe colmare anche questa lacuna. Sembra difficile poter apprezzare un intervento comunitario che si occupa solo della circolazione di beni difettosi e non si preoccupa di definire gli altri casi di responsabilità, in cui pure possono essere coinvolti i consumatori. Ancora, è importante segnalare che – in conseguenza del moltiplicarsi degli incidenti – non si è raggiunta a livello europeo una disciplina uniforme del risarcimento del danno extracontrattuale, né per le persone né per le cose. E d’altra parte vi sono situazioni in cui la connessione tra l’area del contratto e l’area della responsabilità civile è assai stretta. In realtà, quando si parla di armonizzazione del diritto contrattuale europeo occorrerebbe piuttosto parlare di armonizzazione dell’intero diritto delle obbligazioni. 6.4. I contratti B2B Sempre a proposito delle aree di intervento, ci si chiede se sia opportuno estendere l’armonizzazione ai contratti tra imprenditori (B2B), eventualmente solo sotto il profilo della tutela del consumatore. Anche a questo riguardo la risposta credo debba essere articolata. Come sopra accennavo, vi sono già direttive, nel settore bancario, finanziario e assicurativo, nel settore dei trasporti e degli appalti pubblici, che hanno armonizzato parzialmente le regole vigenti negli ordinamenti nazionali. Si tratta di regole di comportamento, di regole sulle procedure, ma anche di diritto sostanziale. Anche la disciplina della concorrenza ha uniformato regole che concernono i contratti; in questo campo l’Unione non si è arrestata alla fonte flessibile della direttiva, ma ha utilizzato quella più rigida del regolamento. Anche le direttive sui pagamenti e sul commercio elettronico recano regole che incidono sulla disciplina del contratto. Perché allora non procedere con la armonizzazione delle regole dei contratti B2B più frequentemente utilizzati? Certo, si potrebbe avviare questo processo con i contratti che hanno maggior riflesso sui consumatori, ma in fin dei conti fare una distinzione di questo tipo non è semplice. E creerebbe poi problemi interpretativi dei contratti concretamente conclusi sul mercato oltre che problemi di ambito di applicazione della disciplina armonizzata. Con riguardo ai metodi di armonizzazione del diritto contrattuale, si è affacciata in dottrina ed è stata ripresa nei documenti comunitari l’ipotesi di procedere mediante l’uniformazione dei modelli contrattuali. Questo metodo avrebbe un vantaggio notevole dal punto di vista della intelligibilità dei testi, della facilità di comparazione delle offerte, dal punto di vista della identificazione delle clausole abusive. E’ chiaro che si dovrebbe trattare di modelli contrattuali standard, essendo più difficile dettare linee guida di contratti che, sulla base della trattativa individuale, investono operazioni singoli , legate alle circostanze del caso. Ne sarebbe ridotta l’inventiva di coloro che esercitano le professioni legali e si occupano di redazione dei contratti, ma si darebbe cittadinanza ad una prassi che è già in atto, dal momento che molte operazioni standard poggiano su formulari che circolano informalmente, o addirittura sono oggetto di pubblicazioni rivolte alla generalità degli operatori; sui testi contrattuali d’altra parte non si possono porre diritti di esclusiva, diritti d’autore, brevetti,ma solo il vincolo della segretezza, vincolo che riguarda più l’identità delle parti che non le clausole contrattuali che esse hanno sottoscritto. 6.5. Come utilizzare il diritto contrattuale europeo ? Un ulteriore interrogativo riguarda il modo con cui utilizzare il diritto contrattuale europeo. Qui le alternative sono molteplici. Se seguiamo la linea tracciata da alcune direttive che hanno introdotto regole vigenti, attuate negli ordinamenti nazionali, interpretate e applicate, la risposta dovrebbe essere che appare opportuno introdurre regole vincolanti piuttosto che non regole derogabili, altrimenti l’armonizzazione ne avrebbe a soffrire. Creare una “legge uniforme” ( un “codice modello”)che le parti potrebbero scegliere come legge applicabile al contratto mi pare una scelta poco felice, perché si riaprirebbero tutti i problemi che assillano gli operatori, i loro legali e i giudici nell’applicazione delle regole del diritto internazionale privato. E poi un “ codice modello” di questo tipo dovrebbe essere studiato, apprezzato, applicato, prima di poter ricevere considerazione universale. In ogni caso, questa opzione potrebbe essere la soluzione minimale di un processo di completamento dell’armonizzazione del diritto contrattuale, attualmente settoriale e approssimativa. Rimane l’ultimo interrogativo, cioè l’ultima scelta: se un sistema di principi, un “codice modello”, un complesso di regole di diritto contrattuale debba implicare che le parti esprimano la loro volontà di escluderne l’ applicazione (opt-out) o al contrario esprimano la volontà di sostituirlo alla che sarebbe applicabile al loro contratto (op-in). Sulla base di quanto sopra si è detto sembra consequenziale rispondere nel secondo senso.

Per ricevere aggiornamenti sulle attività formative, gli eventi istituzionali del CNF, dalla FAI e della SSA, le iniziative parlamentari e ministeriali in tema di giustizia e professione forense compili il presente modulo impostando le sue preferenze.