Strumenti necessari per il PCT

La gestione telematica di alcune attività processuali richiede il possesso di alcuni strumenti telematici, forniti da società operanti sul mercato, che sono:

Tali strumenti sono rinvenibili sul mercato, da parte di società fornitrici.

E’ possibile optare per la soluzione di utilizzo on-line oppure scaricando il relativo programma sul proprio computer.

  • Un indirizzo di Posta elettronica certificata (PEC)
    E’ un sistema di comunicazione simile alla posta elettronica standard con in più alcune caratteristiche di sicurezza e di certificazione della trasmissione che rendono i messaggi opponibili a terzi.
    La PEC consente infatti di inviare/ricevere messaggi di testo e allegati con lo stesso valore legale di una raccomandata con avviso di ricevimento.
  • Una firma digitale
    E' un certificato che permette di sottoscrivere digitalmente un documento e quindi di assumerne la paternità. Comunemente è contenuto in un supporto definito Token (chiavetta Usb o smart card con chip).
    All'interno del token abitualmente è contenuto anche un secondo certificato, definito di autenticazione, che permette di associare il dispositivo all'utilizzatore ai fini del suo riconoscimento sul web.
    [rif. normativo: art. 24 CAD (D.Lgs 82/2005 e ss.mm.)]
  • Un programma software, cosiddetto Redattori atti
    E' uno strumento informatico che permette la creazione della c.d. " busta telematica " per il deposito degli atti del procedimento. La busta telematica o busta xml) compila un file informatico che accompagnato agli atti che si allegano permette alla cancelleria di identificarlo, individuarne ed indirizzarne il contenuto nel fascicolo virtuale.
    Per un elenco dei redattori atti disponibili gratuitamente, censiti dal Ministero della Giustizia, si invita a visitare il seguente link: http://pst.giustizia.it/PST/it/pst_28.wp
  • Un Punto di Accesso (PDA)
    Il Punto di Accesso è la struttura tecnico-organizzativa che fornisce agli avvocati (individuate dalle regole ministeriali con il termine "soggetti abilitati esterni") i servizi di consultazione e di trasmissione telematica degli atti, ossia permette l’inserimento nel circuito processuale.
    Per accedere ai servizi è necessario essere titolari di un certificato di autenticazione, che accerti l’identità dell’utilizzatore del servizio.

    Vai alla lista dei Punti di accesso censiti dal Ministero della Giustizia http://pst.giustizia.it/PST/it/pst_2_5.wp


Il Portale dei servizi telematici del Ministero della Giustizia

Il Portale dei servizi telematici è il sistema – disciplinato dall’art. 6 del D.M. 21 febbraio 2011 n. 44 e dall'art 5 del Provvedimento 18 luglio 2011– volto a fornire un’unica porta di accesso ai servizi telematici resi disponibili dal ministero della giustizia.

I servizi telematici consistono in attività collegate al processo (per ora, soprattutto in materia civile) che si possono compiere on-line, cioè da remoto. Dette attività consistono soprattutto in consultazione dei registri per acquisire informazioni sullo stato dei procedimenti.

In particolare, il Portale rende disponibili le seguenti tipologie d’informazione:

Val al Portale dei servizi telematici della giustizia http://pst.giustizia.it/PST/

  • Informazioni e documentazione sui servizi telematici del dominio Giustizia, comprensive di una serie di "Schede Pratiche" di orientamento per l’utilizzo dei servizi telematici, navigabili per tematica o per categoria di utente, al fine di indirizzare l’utilizzatore a una migliore ed efficace comprensione dei servizi. Sono inoltre disponibili Notizie (News), Documenti normativi, tecnici e di approfondimento, nonché Applicazioni da scaricare (download); completano la parte informativa le FAQ (risposte alle domande ricorrenti), il Forum e la Newsletter (servizi in fase di attivazione).
  • Informazioni essenziali sullo stato dei procedimenti, rese disponibili in forma anonima, ossia senza riferimenti in chiaro ai nomi o ai dati personali delle parti, al fine di non rendere possibile risalire all'identità dell’interessato. Le informazioni – che si riferiscono a tutte le tipologie di uffici e a tutti i tipi di procedimenti civili – benché accessibili a tutti i cittadini, sono ricercabili attraverso criteri che presuppongono la conoscenza di informazioni note solo alle parti o ai professionisti interessati.
  • Catalogo dei servizi telematici: fornisce per ogni ufficio la lista dei servizi telematici attivi presso l'ufficio, oltre a informazioni di tipo tecnico, quali l'indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC).
  • Elenco dei punti di accesso autorizzati, costituiti da strutture tecnologiche-organizzative – rese disponibili dagli ordini professionali, da aziende private, e da altri enti – che forniscono ai soggetti abilitati esterni al dominio giustizia i servizi di connessione.
  • Link ad altri servizi telematici quali il “Portale delle procedure concorsuali” e il “Servizio online giudici di pace”.

Val al Portale dei servizi telematici della giustizia http://pst.giustizia.it/PST/