Il Consiglio Nazionale Forense è l’organismo apicale istituzionale dell’Avvocatura e rappresenta l’intera classe forense.

Come fare domanda

Come fare domanda e deliberazione

La domanda, sottoscritta dal cittadino o nel caso di enti dal legale rappresentante, va presentata al gestore del Fondo, il Consiglio Nazionale Forense,  tramite raccomandata a/r presso la sede del CNF in via del Governo vecchio, 3 Roma o tramite Pec all’indirizzo fondazioneavvocaturaitaliana@pec.it

L’ammissibilità delle domande è valutata da un apposito Comitato di gestione del Fondo.
E’ possibile presentare 3 domande nell’arco temporale dell’anno.

Le domande devono contenere, a pena di inammissibilità, descrizione sommaria dei fatti che configurino ipotesi di discriminazione; copia del documenti di identità e codice fiscale; la dichiarazione di non usufruire del beneficio del patrocinio a spese dello Stato; la documentazione utile alla prova dei fatti che rientrano nei criteri di ammissibilità della domanda; l’indicazione del nominativo e dei recapiti dell’avvocato al quale si affida la tutela giurisdizionale.

Deliberazione della domanda

Il comitato di gestione, formato da rappresentanti del Dipartimento Pari Opportunità, Unar e CNF, valuta l’ammissibilità della domanda  secondo criteri di gravità dei fatti alla base dell’azione giurisdizionale, comunicando tramite il CNF l’eventuale ammissione.

Allegati
Per ricevere aggiornamenti sulle attività formative, gli eventi istituzionali del CNF, dalla FAI e della SSA, le iniziative parlamentari e ministeriali in tema di giustizia e professione forense compili il presente modulo impostando le sue preferenze.