Cos'è l'Albo Telematico

L’articolo 4 comma 3 D.-L. 29 dicembre 2009, n. 193 recante "Misure urgenti per la digitalizzazione della giustizia" (convertito con modificazioni dalla legge n. 24 del 22 febbraio 2010), dopo aver sancito che le notificazioni e le comunicazioni processuali relative alle procedure concursuali e quelle al consulente saranno effettuate a mezzo Posta Elettronica Certificata (PEC)...
Approfondimenti
Censimento delegati mittenti e firmatari
Censimento delegati mittenti e firmatari
La verifica e la convalida sia in termini di identificazione del mittente sia in termini di integrità del dato stesso.
Normativa di riferimento e Circolari CNF
Normativa di riferimento e Circolari CNF
La raccolta della normativa di riferimento in tema di Albo Telematico
Istruzioni per l'invio dell'Albo
Istruzioni per l'invio dell'Albo
Tutto ciò che c'è da sapere per l'invio dell'Albo con consigli utili alla segnalazione di eventuali inesattezze
Centro Servizi Supporto Albo
Centro Servizi Supporto Albo
Tutti i contatti e recapiti ai quali rivolgersi per ogni chiarimento
Indietro

segnalazione duplicazioni e richiesta verifica

Argomenti: Albo Telematico Ultima modifica: 19/01/2016 09:07

Ricezione di e-mail, quindicinale, con oggetto: "segnalazione duplicazioni e richiesta verifica"

La verifica sulle duplicazioni delle iscrizioni all'Albo degli Avvocati, all'interno della collezione degli Albi dei COA Territoriali, denominata “Albo Telematico”, viene effettuata automaticamente dal programma di gestione che, ad ogni aggiornamento di Albo da parte del COA, effettua, nottetempo, un controllo incrociato tramite i codici fiscali (quindi con i dati di anagrafica) sulle plurime iscrizioni.

Non vi è intervento umano, né nel controllo né nell’invio della PEC segnalante tali duplicazioni.

Le iscrizioni plurime, infatti, vengono comunicate con cadenza quindicinale (giorno 1 e 15 di ogni mese) sia ai COA Territoriali che dovrebbero curare gli aggiornamenti (correzioni/cancellazioni) che, per conoscenza, ai COA interessati.

La comunicazione ai COA ha carattere puramente informativo e non è dovuta alcuna spiegazione o comunicazione di rettifica al CNF.

La comunicazione non verrà rinnovata, semplicemente inviando il file di Albo aggiornato all’Albo Telematico, con le consuete modalità.

Il programma si basa sui dati di Albo inviati al database on-line, e non sugli Albi effettivi; è possibile, pertanto, che, pur essendo stati corretti i dati sugli Albi di riferimento, questi ultimi permangano in obsolete versioni nel database del CNF.

Si ricorda, a tal proposito, che la legge 22 febbraio 2010 n.24 (art. 4 n. 3-bis) parli di aggiornamento dati al CNF da parte dei COA "con cadenza giornaliera".

In riferimento a quanto sopra specificato, l'applicativo Albo Telematico pubblica i dati degli Albi collezionati (esclusi degli indirizzi di PEC) nell'interfaccia "Ricerca Avvocato" del sito istituzionale CNF (www.cnf.it) secondo le seguenti modalità:

  • Praticanti/Praticanti: viene disabilitato il dato che riporta data di iscrizione precedente;
  • Praticanti/Praticanti Abilitati: vengono disabilitati i primi;
  • Praticanti/Avvocati: : vengono disabilitati i primi se con dato che riporta data di iscrizione precedente;
  • Avvocati/Avvocati: vengono disabilitati i record relativi agli Avvocati “duplicati” che hanno data di iscrizione più recente.

Pertanto, e senza alcun effetto ai fini di legge, nell'interfaccia Ricerca Avvocato, il nominativo duplicato nell'Albo Telematico apparirà solo una volta, secondo le suesposte modalità.