Coronavirus, Cnf: “Avvocati aderiscono a campagna governo contro violenza donne”

 

«L’avvocatura, anche in considerazione del ruolo sociale che assolve incondizionatamente, è impegnata in prima linea nella difesa di soggetti vulnerabili e dei loro diritti spesso discriminati. La discriminazione non è mai giustificabile, ma soprattutto in questo particolare e difficile momento di emergenza sanitaria, si amplificano le esigenze di tutela da cui nessuno può o deve rimanere escluso». Lo afferma Maria Masi, presidente facente funzioni del Consiglio nazionale forense, che ha approvato una delibera a supporto delle donne vittime di violenza e aderito alla campagna di comunicazione e sensibilizzazione ‘Libera puoi’ promossa dal Dipartimento per le Pari Opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. 

La delibera del Cnf sostiene gli emendamenti proposti dalla Commissione parlamentare sul femminicidio, “con particolare riferimento alla necessità di garantire l’applicazione rigorosa delle misure civili e penali a tutela delle donne vittime di violenza e di maltrattamenti; di garantire l’accesso delle donne ai centri antiviolenza e alle case rifugio nel rispetto delle misure precauzionali dettate dall’emergenza sanitaria; di prevedere ulteriori specifiche misure di protezioni per le donne vittime di violenza, anche migranti, richiedenti asilo, rifugiate e vittime di tratta e alla necessità di agevolare l’accesso ai numeri antiviolenza”.

 

Roma, 11 aprile 2020

Guarda il video