L'intervento del Presidente del CNF Mascherin al XXXIV Congresso Nazionale Forense

"Noi chiediamo sostanzialmente che in Costituzione venga inserito il principio cardine della liberta' e dell'indipendenza della professione dell'avvocato. Questo e' importante perche' mette al riparo il diritto alla difesa da diversi attacchi. Questo e' il famoso tratto di penna su una legge ordinaria, puo' essere l'idea di superare la considerazione degli avvocati come dei mercanti, come dei commercianti del diritto privi di regole deontologiche in nome di un mercato libero". Lo ha detto il presidente del Consiglio nazionale forense, Andrea Mascherin, a Catania parlando con i giornalisti a margine dei lavori della giornata inaugurale del XXXIV congresso nazionale forense riguardo la mozione, votata per acclamazione, durante i lavoro del congresso. Nel suo intervento, il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, aveva espresso la sua posizione favorevole.

"Chiediamo di rafforzare il nostro ruolo in Costituzione - ha sottolineato Mascherin - e lo facciamo chiedendo di modificare l'articolo 111 della Costituzione, cioe' il ruolo dell'avvocato nel processo. Chiediamo tre cose: la riserva del processo dell'avvocato; l'affermazione della liberta' e dell'indipendenza dell'avvocato; il mantenimento della funzione giurisdizionale dell'avvocatura. Tre temi semplici - ha osservato - su cui chiediamo la convergenza della politica, delle forze sociali e dei magistrati". "Bisogna intervenire - ha aggiunto Mascherin - sulle strutture, sul personale, sull'edilizia giudiziaria. Abbassiamo i costi di accesso alla giustizia, perche' sono anti-democratici. Stiamo costruendo una giustizia 'censuaria', si difende solo chi puo' permetterselo. Questo si' che e' socialmente criminale. Nobilitiamo il patrocinio a spese dello Stato, che non e' un modello affaristico ma la massima sublimazione del nostro ruolo. Abbiamo sempre difeso l'autonomia della magistratura. Mi auguro - ha concluso Mascherin - che la magistratura dica 'giu' le mani dagli avvocati', perche' senza avvocati indipendenti non c'e' stato di diritto"

 

 

Guarda il video