Indietro

Lattanzi: “Avvocato in Costituzione e poi alleanza avvocatura e magistratura per i diritti”

Lattanzi: “Avvocato in Costituzione e poi alleanza avvocatura e magistratura per i diritti”

Lo propone l’ex presidente della Consulta Lattanzi in visita al plenum del Cnf

“Il riconoscimento del ruolo dell’avvocato nella Carta e un’alleanza per i diritti e per la giurisdizione tra avvocatura e magistratura nella tutela della Costituzione”. È la considerazione che il presidente Giorgio Lattanzi, appena terminato il suo mandato alla Corte Costituzionale, ha espresso questa mattina di fronte al plenum del Consiglio nazionale forense riunito in seduta, in occasione della consegna di una medaglia che il presidente del Cnf Andrea Mascherin ha voluto conferire all’alto magistrato per “l’alto impegno istituzionale” e per “il riconoscimento del lavoro svolto insieme tra l’avvocatura istituzionale e la Corte”. Il presidente Lattanzi ha sottolineato che “Magistratura e avvocatura sono complementari e consapevoli di essere insieme e lavorare insieme nella e per la giurisdizione. Per questo - ha proseguito Lattanzi - la richiesta dell’avvocatura dell’inserimento in Costituzione è una richiesta giusta e va nella direzione di una maggiore tutela dei diritti dei cittadini, soprattutto in un periodo storico in cui possono esserci rischi per la tenuta dello Stato di diritto”. 

“La mia ulteriore proposta - ha concluso Lattanzi –, in collegamento al rafforzamento del ruolo dell’avvocato in Costituzione, è rappresentata dall’istituzione di un organismo che sancisca una ‘alleanza per i diritti e la giurisdizione’ tra Consiglio nazionale forense e Anm o Csm”. Il presidente del Cnf Andrea Mascherin si è detto d’accordo ad accogliere la proposta di istituzione di un organismo tra avvocatura istituzionale e magistratura “per fare politica dei diritti con proposte concrete per la tutela della giurisdizione così come voluta dalla Carta costituzionale, con l’auspicio che anche la magistratura possa aderire, con il fine comune della salvaguardia della giurisdizione”.