Il Consiglio Nazionale Forense è l’organismo apicale istituzionale dell’Avvocatura e rappresenta l’intera classe forense.

Al via il torneo Dire e Contraddire: studenti, guidati da avvocati, si sfidano a colpi di eloquenza - CNF News

null Al via il torneo Dire e Contraddire: studenti, guidati da avvocati, si sfidano a colpi di eloquenza

17 feb 2022

Al via il torneo Dire e Contraddire: studenti, guidati da avvocati, si sfidano a colpi di eloquenza

Il progetto educativo è stato presentato oggi al Consiglio Nazionale Forense

Girone di qualificazione territoriale a marzo/aprile

Semifinale ad aprile/maggio

Finalissima a maggio presso il Consiglio nazionale forense a Roma

 

La seconda edizione del torneo nazionale "Dire e Contraddire" è ai nastri di partenza. Sono 1600 gli studenti del Sud, Centro e Nord Italia che si sfideranno a colpi di eloquenza, con la guida oratoria di circa 150 “avvocati tutor”, sui temi di impatto sociale tratti dai discorsi di giuristi come Cesare Beccaria, scrittori come Alessandro Manzoni, filosofi come Voltaire, scienziate come Rita Levi Montalcini. Gli istituti scolastici, coinvolti dal progetto di educazione alla legalità del Consiglio nazionale forense (Cnf) e degli Ordini territoriali degli avvocati, sono trentasette in dodici regioni italiane, dal sud al nord.

L’obiettivo del Cnf, che ha sottoscritto un protocollo sull’educazione alla legalità con il ministero dell’Istruzione, è di fornire ai ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado le tecniche di una comunicazione efficace ed efficiente attraverso la capacità di argomentare e controargomentare nel solco dei valori di democrazia, diritti e doveri.

Il Torneo si articolerà con un primo girone di qualificazione a livello territoriale che dovrà essere terminato entro il 15 aprile. Poi, entro il 5 maggio si svolgeranno le semifinali da cui usciranno tre vincitori che a fine maggio disputeranno la finalissima presso la sede del Consiglio nazionale forense a Roma.

«È una iniziativa che in questo momento storico – ha detto la presidente del Cnf Maria Masi – assume un significato più ampio, allacciando i principi di legalità a una comunicazione leale, sorretta da tecniche di argomentazione in palese contrapposizione con hate speech e dialettica offensiva o carente, e alimentare così nelle giovani generazioni il senso dell’educazione civica».

«Il Torneo Dire e Contraddire è stata una scommessa ardita in piena pandemia – ha detto la consigliera Cnf Daniela Giraudo, coordinatrice della Commissione Educazione alla legalità - ma i risultati si sono già visti l’anno scorso con la prima edizione svolta interamente da remoto. Una idea vincente che è cresciuta e si è irrobustita grazie alla passione delle persone: studenti, insegnanti e avvocati. Quest’anno il torneo si svolgerà in presenza e dimostra che, anche se esistono, gli ostacoli si possono superare».

«L’avvocatura, come tutte le forze sociali che hanno una funzione pubblica - ha affermato la coordinatrice nazionale del Torneo, Angela Mazzia - ha un ruolo importante nella società per recuperare la correttezza del dialogo, inteso come rispetto e tolleranza verso il prossimo, che può accompagnare i giovani verso un futuro di pacificazione comune. Il torneo Dire e Contraddire nasce a Taranto, da un’intuizione del consigliere del Cnf Vincenzo Di Maggio che ha voluto ideare un progetto educativo con un forte impatto civico efficace ed efficiente».

«Sono rimasta molto stupefatta - ha aggiunto Giulia Cammilletti, avvocata di Roma, referente dell’aerea Centro Italia – dalla partecipazione dei ragazzi e dalle loro capacità argomentative. Il Torneo non è solamente un allenamento della mente per i giovani studenti ma anche un collante di coesione e comunanza per gli avvocati contrariamente alla loro natura professionale di singoli».

«Un esercizio di cittadinanza – per l’avvocato di Trani Domenico Facchini, referente del Sud Italia – che entra a far parte della vita quotidiana degli adolescenti. È una sfida culturale poiché informare ed educare non sono imprese solitarie ma comunitarie. La disputa è un esempio di cooperazione e collaborazione».

«Assistere a una disputa fatta dai ragazzi – ha concluso l’avvocato Daniele Barelli, di Milano, referente Nord Italia – ha sdoganato le dispute alle quali noi avvocati siamo abituati nell’ambito processuale, portando a un arricchimento di tutti per la freschezza, spontaneità e naturalezza con cui gli studenti affrontano argomenti anche molto spinosi».

Appuntamento a fine maggio a Roma, presso il Consiglio nazionale forense, con la finalissima a tre dei vincitori delle fasi di qualificazione territoriale.

I numeri della II edizione del Torneo

  • 12 regioni

  • 17 città

  • 17 Ordini territoriali degli avvocati

  • 37 scuole secondarie di secondo grado

  • 1600 studenti

  • 158 avvocati tutor

  • 56 insegnanti scolastici

Le città e gli Ordini degli avvocati coinvolti nella II edizione del Torneo

Treviso; Trieste; Milano; Vercelli; Venezia; Fermo; Perugia; Teramo; Pescara; Roma; Torre Annunziata; Trani; Taranto; ViboValentia; Catanzaro; Messina; Palermo.

Il Comitato tecnico scientifico del Torneo

Il Comitato tecnico scientifico sovraintende, coordina, sostiene e supporta l’esecuzione, la realizzazione, lo svolgimento e la promozione del Torneo della disputa Dire e Contraddire, quale metodo pedagogico a impatto civico per la ancor più ampia diffusione del rispetto delle regole e della legalità tra le giovani generazioni. Il Comitato è composto da:

  • Avv. Daniela Giraudo, Coordinatrice Commissione Educazione alla legalità del Cnf;
  • Avv. Angela Mazzia, foro di Taranto, Coordinatrice nazionale del Cts;

  • Avv. Daniele Barelli, foro di Milano, Referente area nord Italia;

  • Avv. Giulia Cammilletti, foro di Roma, Referente area centro Italia;

  • Avv. Domenico Facchini, foro di Trani, Referente area sud Italia;

  • Avv. Nicola Cirillo, Commissione Educazione alla legalità del Cnf, rapporti con il MI.




Resta aggiornato sulle attività formative, gli eventi istituzionali del CNF, le iniziative parlamentari e ministeriali in tema di giustizia e professione forense