Indietro

La delibera di archviazione dei CDD costituisce atto suscettibile di autonoma impugnazione da parte dei COA

La delibera di archviazione dei CDD costituisce atto suscettibile di autonoma impugnazione da parte dei COA

La Corte di Cassazione a Sezioni Unite si è espressa in merito al ricorso presentato dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Monza, riguardo la possibilità di autonoma impugnazione da parte dei COA di una delibera di archviazione dei Consigli Distrettuali di Disciplina.

La Suprema Corte ha sancito il principio di diritto: "avverso i provvedimenti del Consiglio distrettuale di disciplina e per ogni decisione, ivi compresa l'archiviazione, è ammesso ricorso da parte del Consiglio dell'ordine presso cui l'avvocato è iscritto avanti ad apposita sezione disciplinare del Consiglio nazionale forense."

 

Per leggere il testo integrale della sentenza SSUU 16993/17 clicca qui